Social Media Marketing: Apple e Google: Censura per l’App di LinkedIn in Russia

WebMarketingManager.netApple, fa l bis con il suo “Think Different”, dopo aver censurato l’app del New York Times in Cina, su richiesta del governo cinese, adesso Apple ed anche Google hanno censurato l’app di LinkedIn in Russia, su richiesta del governo russo.

Parte male (molto male) il 2017, per la libertà di manifestazione del pensiero, sia in Cina che in Russia. I russi potranno più scaricare l’applicazione (app) di LinkedIn sul proprio smartphone e tablet. Apple e Google hanno censurato LinkedIn, il social network professionale, in Russia.

Il governo di Mosca ha imposto ad Apple e Google di rimuovere l’app di LinkedIn dai relativi stores. Gli utenti di LinkedIn sarebbero “pericolosi” perché “pensanti”, a differenza degli altri social networks frivoli del tempo libero.

Dunque, l’app di LinkedIn è ufficialmente vietata in Russia (in precedenza, il sito era stato già censurato, adesso è toccato all’app per smartphones e tablet). Trattasi di censura.

Perché la Russia ha censurato sia il sito che l’app di LinkedIn?

  • E’ stata emessa una sentenza in Russia, che condanna LinkedIn, perché il social network professionale non rispetta la legge russa sulla protezione dei dati
  • I dati degli utenti di LinkedIn, in Russia devono essere memorizzati su servers localizzati in Russia e non in U.S.A. o altri paesi fuori dalla Russia
  • Il Governo Russo deve poter “controllare” i servers di LinkedIn in Russia, in base alle proprie esigenze

In poche parole i dati degli utenti russi di LinkedIn devono restare sui servers in Russia, per un maggiore “controllo” / “censura” su eventuali commenti / articoli di utenti troppo “vivaci” di poter esercitare il proprio diritto di libertà di espressione e di informazione sul social network professionale.

LinkedIn ha confermato la rimozione della propria app (applicazione per smartphones e tablet) dagli stores di Google e Apple, in Russia.

Microsoft, attuale proprietaria di LinkedIn, ha dichiarato che farà ricorso, contro la censura.

Fonte: Recode

******************************************

Social Media Marketing? Visita il mio profilo: https://it.linkedin.com/in/web-marketing-manager-net

******************************************

Focus on: Siamo vicini agli amici ed amiche russe, che anche questa volta nel 2017, sono stati censurati/e, e viene loro negata la libertà di manifestazione del pensiero non potendo più utilizzare ne’ l’app e ne’ il sito di LinkedIn, in Russia.

******************************************

Social Media Marketing? Visita il mio profilo: https://it.linkedin.com/in/web-marketing-manager-net

******************************************

#Apple #Google #Russia #LinkedIn #Censura #Social Network #Governo Russo #Economia Russia #Microsoft #Social Media Marketing #Libertà #Manifestazione #Pensiero #App #Sito LinkedIn #App LinkedIn

 

Marketing Politico: 2,038 Miliardi di Euro – Investimenti 2017 per il Sud Italia

WebMarketingManager.net – Ecco la mappa degli investimenti previsti per il 2017, per gli interventi nel Sud Italia, relativi al Fondo sviluppo e coesione, suddivisi per aree tematiche. Dati in Euro.

  1. Ambiente, con 681.740.681
  2. Infrastrutture, con 420.615.130
  3. Sviluppo, con 400.652.733
  4. Turismo e Cultura, con 400.652.733
  5. Infrastrutture sociali, con 222.295.621
  6. Welfare-Occupazione, con 76.053.309
  7. Scuola-Università-Lavoro, con 41.644.000
  8. Riqualificazione sociale, con 25.650.000
  9. Edilizia sanitaria, con 8.000.000
  10. Governance e P.A., con 6.120.000
  11. Innovazione formativa, con 4.000.000
  12. Sicurezza e legalità, con 2.776.000
  13. Altro, con 63.428.430

Totale: 2.038.739.820

Dove saranno investiti questi soldi nel 2017?

  • territorio da sanare
  • strade
  • reti ferroviarie da rinnovare
  • reti ferroviarie da integrare

Fonte: Rapporto Dipe (Palazzo Chigi)

******************************************

Marketing Politico? Visita il mio profilo: https://it.linkedin.com/in/web-marketing-manager-net

******************************************

Focus on: “Investire” solo 2,038 Miliardi di Euro per il 2017, nel Sud Italia, non credo che possa esser sufficiente, a risollevare l’economia del mezzogiorno d’Italia. Trattasi di puro “marketing politico” per dare “il contentino” alle popolazioni del sud Italia che hanno votato, in vista delle prossime elezioni nazionali.

******************************************

Marketing Politico? Visita il mio profilo: https://it.linkedin.com/in/web-marketing-manager-net

******************************************

#Investimenti #Sud Italia #Marketing Politico #2017 #Italia #Mappa Investimenti Sud Italia #Ambiente #Infrastrutture #Sviluppo #Turismo #Cultura #Infrastrutture Sociali #Welfare #Occupazione #Scuola #Universita’ #Lavoro #Riqualificazione #Riqualificazione Sociale #Edilizia #Edilizia Sanitaria #Governance #PA #Pubblica Amministrazione #Innovazione #Innovazione Formativa #Sicurezza #Legalita’ #Reti Ferroviarie #Strade #Territorio

 

Social Media Marketing: Ansia e Depressione? 13 App Smartphone per Curarti

WebMarketingManager.net – Per chi le volesse provare o consigliare ad altre persone che ne hanno bisogno… sono state create 13 app per la Salute Mentale contro la depressione e l’ansia.

Fare gli esercizi dal proprio smartphone e/o tablet con queste 13 app, pochi minuti al giorno, aiuterà a migliorare la propria salute mentale, per chi soffre di depressione ed ansia.

Sono state create 13 app per lo smartphone e tablet per migliorare le condizioni mentali di persone con problemi di ansia e depressione. Sono contenute nella piattaforma: IntelliCare.

Ogni app, si occupa di un singolo aspetto dei disturbi causati da ansia e depressione.

I primi test, mediante questionario, sono stati effettuati su 100 persone che avevano sintomi da ansia e/o depressione. Con il supporto telefonico iniziale di un coach per imparare ad usare la piattaforma, le persone oggetto del test, hanno utilizzato la piattaforma IntelliCare per 2 mesi (8 settimane).

Tutti i partecipanti hanno avuto miglioramenti significativi della loro salute mentale.

Di queste 13 app per smartphone, dedicate alla salute mentale, contenute nella piattaforma IntelliCare, ci sono:

  • Worry Knot, per la gestione dell’ansia
  • Boost Me, per la pianificazione di attività positive ed incoraggiamento
  • Social Force, per capire quali sono le persone di maggiore aiuto nella propria vita e rinforzare il contatto.

David Mohr, l’autore principale della piattaforma IntelliCare dichiara: “Usare strumenti digitali per la salute mentale è una parte importante del nostro futuro. Queste app possono aiutare milioni di persone che non possono raggiungere uno specialista”.

Oltre all’utilizzo delle 13 app per smartphone e tablet, è opportuno fare alcuni esercizi per:

  • rilassamento
  • sonno
  • attività fisica

A breve saranno avviati ulteriori test con un numero maggiori di pazienti con problemi di salute mentale: depressione e ansia.

Fonte: Northwestern University / Journal of Medical Internet Research

******************************************

Social Media Marketing? Visita il mio profilo: https://it.linkedin.com/in/web-marketing-manager-net

******************************************

Focus on: Se queste 13 app per smartphone e tablet contenute nella piattaforma IntelliCare saranno in grado di curare/aiutare i tanti milioni di persone nel Mondo che soffrono di ansia e depressione, sarà una bella novità per il 2017 nel campo della salute mentale. La cura sembra sia già possibile, dall’analisi dei risultati dei primi test pubblicati.

******************************************

Social Media Marketing? Visita il mio profilo: https://it.linkedin.com/in/web-marketing-manager-net

******************************************

#Ricerca #Cura Depressione #Cura Ansia #App #Smartphone #Studio #Salute #Analisi #Pubblicazione #Smartphones #Applicazioni #Cellulare #Cure #Salute #Ansia #Depressione #Salute Mentale #Cura #Ansia #Depressione

 

Video – E-Commerce: Amazon: 45.000 Robot lavorano al posto degli “umani”

WebMarketingManager.net – Non solo Apple, utilizza i robot in Cina per la produzione degli iPhone (ed anche per gli altri prodotti), ma pure Amazon ha capito (da tempo) che “il robot è più affidabile dell’essere umano“:

  • lavora sempre
  • non si lamenta
  • è fedele all’azienda
  • non fa nessuna pausa per fumare
  • non fa nessuna pausa per bere il caffè
  • non fa nessuna pausa per sgranchirsi le gambe

Arrivano i robot, e milioni di posti di lavoro saranno eliminati dalle macchine.

Non è un film alla Terminator, ma è già realtà per Apple ed Amazon (e non solo, ci sono molte altre aziende (anche italiane) che “non lo dicono”)

Siete meravigliati? Stupiti?

Stavate sognando di essere “insostituibili” ?

Vi sbagliavate!

Ecco il Video di un magazzino di Amazon con i robot al lavoro:

Già nel 2016 i primi “segnali di crescita” di ciò che viene definita come: Internet of Things (IOT), e probabilmente il 2017 sarà l’anno della robotica e dell’automazione, almeno all’estero.

45.000 robot lavorano nei magazzini di Amazon, al posto degli “esseri umani”, su un totale di circa 230.000 lavoratori in tutto il Mondo. Si registra per il 2016 una crescita del +50% in un solo anno, per l’utilizzo dei robot in attività di e-commerce. A Natale 2015 erano “solo” 30.000 robot nei principali 20 magazzini di Amazon nel Mondo.

Ma cosa fanno questi robot per Amazon?

  • trasporto di materiali fino a 270 chili (kg) di peso.

E gli “esseri umani” a che cosa servono per un e-commerce come Amazon?

  • per l’impacchettamento dei prodotti (fino a quando non sarà creato il robot che lo potrà fare – ndr)

Fonte: Seattle Times

******************************************

E-Commerce? Visita il mio profilo: https://it.linkedin.com/in/web-marketing-manager-net

******************************************

Focus on: Apple, Amazon, chi sarà il prossimo a sostituire i propri lavoratori con i robot? Scommetto che molte aziende italiane sarebbero felici di farlo già da subito, soprattutto nelle “campagne milanesi” dove sorgono “quartieri e palazzi solo ufficio” in valli desolate con la nebbia e nulla più, a parte qualche centro commerciale dove far mangiare “gli umani lamentosi”, in attesa di sostituirli con i robot.

******************************************

E-Commerce? Visita il mio profilo: https://it.linkedin.com/in/web-marketing-manager-net

******************************************

#E-Commerce #Robot #Apple #Amazon #ECommerce #Robotica #Automazione #Internet of Things #IOT #E Commerce #Lavoro

 

Co-Marketing: Apple Censura l’App del New York Times in Cina

WebMarketingManager.net – Quando si parla dell’economia in Cina e della crescita (passata) a 2 cifre, spesso ci si dimentica, che le aziende che vogliono fare business in Cina, se vogliono lavorare, devono sottostare ad ogni richiesta di censura del governo cinese.

Dunque, Apple, ha colpito ancora con il suo “Think Different”, oltre ogni immaginazione: ha censurato l’app del New York Times in Cina, su richiesta del governo cinese, altrimenti anche Apple se ne sarebbe tornata in U.S.A., con la produzione degli iPhone e di tutti gli altri prodotti “made in Cina”.

Apple, è stata costretta a scendere a compromessi con il governo cinese: rimuove l’app del New York Times in Cina, su richiesta del governo di Pechino.

Tutti i cinesi che vivono in Cina, non troveranno più l’app del New York Times, all’interno dell’app store cinese di Apple.

Apple ha cancellato l’app del New York Times in lingua cinese e in lingua inglese.

Per il momento, in Cina, ci sono ancora le app del:

  • Wall Street Journal
  • Financial Times

Da ricordare che il governo cinese di Pechino ha iniziato a bloccare, in Cina, l’accesso al sito del New York Times già nel 2012, dopo una serie di articoli ed inchieste sulla ricchezza “di dubbia provenienza” accumulata da Wen Jibao, ex premier in Cina nel 2012.

Secondo Apple, l’app del New York Times “è in violazione delle norme locali della Cina”.

Fonte: Fred Sainz, portavoce di Apple

******************************************

Co-Marketing? Visita il mio profilo: https://it.linkedin.com/in/web-marketing-manager-net

******************************************

Focus on: Quando i soldi cambiano le aziende e le persone che ci lavorano, quando la “libertà economica in Cina” viene pagata con la censura di qualcun altro, cara Apple, il tuo modo di “Pensare Differente” non ci piace.

******************************************

Co-Marketing? Visita il mio profilo: https://it.linkedin.com/in/web-marketing-manager-net

******************************************

#Apple #Cina #Produzione #iPhone #Apple Cina #New York Times #Censura #The New York Times #Governo Cinese #Economia Cinese

 

Internet of Things (IOT): i Robot produrranno gli Smartphones (iPhone – Apple)

WebMarketingManager.netFoxconn, il produttore di iPhone, per Apple, annuncia il proprio progetto di automazione industriale, tramite i robot che sostituiranno gli operai “umani”.

Se ne parlava già da Maggio 2016, ma sia Foxconn che Apple “minimizzavano” la notizia. Ad oggi, inizio 2017, si conosce già il progetto (suddiviso in 3 fasi) di automazione industriale per la produzione degli iPhone di Apple.

Quale sarà il compito dei robot utilizzati la produzione degli iPhone di Apple ?

  • eseguire lavori troppo pericolosi
  • eseguire lavori poco popolari

Come saranno le postazioni di lavoro per la produzione degli iPhone di Apple ?

  • automatizzate
  • individuali

La fase finale della produzione degli iPhone di Apple, avrà almeno 10 linee automatizzate al 100% e saranno senza luci, gli impianti saranno “a luci spente”, perché ai robot, per lavorare non serve la luce.

Tali linee di produzione sono chiamate: “lights-out”.

E cosa farà l’uomo per la produzione degli iPhone di Apple ?

  • logistica
  • test
  • ispezione

Foxconn, ad oggi, produce già circa 10.000 Foxbot (robot) all’anno.

Il costo del singolo robot è tra i 20.000 ed i 25.000 dollari.

Fonte: Digitimes

******************************************

Internet of Things (IOT)? Visita il mio profilo: https://it.linkedin.com/in/web-marketing-manager-net

******************************************

Focus on: E’ già operativa l’installazione di nuovi “Foxbot” (robot) negli impianti di Foxconn che producono l’iPhone 6.

Foxconn dichiara che: “i robot non sostituiranno completamente gli essere umani, si limiteranno ad affiancarli in determinate mansioni, hanno solamente un ruolo secondario, almeno in questa fase”.

E dopo questa fase? Quale sarà “la fase successiva” dei robot utilizzati per la produzione degli iPhone di Apple ?

******************************************

Internet of Things (IOT)? Visita il mio profilo: https://it.linkedin.com/in/web-marketing-manager-net

******************************************

#Internet of Things #IOT #Robot #Smartphones #iPhone #Apple #Foxconn #Foxbot #iPhone 6 #Produzione

 

Automotive Marketing: il Mercato delle Automobili in Italia – Totale Anno 2016

WebMarketingManager.net – Ecco i dati da Gennaio a Dicembre 2016 sulle immatricolazioni di auto, in Italia, suddivise per marca.

Classifica dei gruppi che hanno venduto più automobili in Italia nel 2016

  1. FCA (totale di: Fiat, Alfa Romeno, Lancia/Chrysler, Jeep), con 528.189 immatricolazioni
  2. Volkswagen, con 119.076 immatricolazioni
  3. Ford, con 109.303 immatricolazioni
  4. Renault, con 94.837 immatricolazioni
  5. Opel, con 88.985 immatricolazioni
  6. Peugeot, con 84.398 immatricolazioni
  7. Toyota, con 65.649 immatricolazioni
  8. Citroen, con 58.616 immatricolazioni
  9. Nissan, con 57.500 immatricolazioni
  10. Audi, con 54.820 immatricolazioni
  11. Mercedes, con 53.674 immatricolazioni
  12. Bmw, con 49.756 immatricolazioni
  13. Hyundai, con 47.363 immatricolazioni

Fonte: Anfia (Associazione Nazionale Fra Industrie Automobilistiche)

******************************************

Automotive Marketing? Visita il mio profilo: https://it.linkedin.com/in/web-marketing-manager-net

******************************************

Focus on: L’unica casa automobilistica in perdita per il 2016, sul mercato italiano è Nissan. A Dicembre 2016, si segnala una perdita mensile di -8,93%, mentre da Gennaio a Dicembre 2016, la perdita diminuisce a -4% con le vendite totali dell’anno 2016.

******************************************

Automotive Marketing? Visita il mio profilo: https://it.linkedin.com/in/web-marketing-manager-net

******************************************

#Automotive Marketing #Automobili #Immatricolazioni #Auto #Vendite Auto #Mercato Auto #Automotive #Macchine #FCA #Fiat #Alfa Romeno #Lancia #Chrysler #Jeep #Volkswagen #Ford #Renault #Opel #Peugeot #Toyota #Citroen #Nissan #Audi #Mercedes #Bmw #Hyundai #Immatricolazioni Auto Italia 2016

 

Content Marketing: Amazon, Facebook e Netflix, la loro Strategia per il 2017

WebMarketingManager.net – il 2017 sarà l’anno della consapevolezza e del contenuto di valore per le aziende che vorranno fare strategie di Content Marketing. Amazon, Facebook e Netflix saranno in prima fila.

Netflix, Amazon Prime Video ed anche Facebook, pronte a sfidarsi nel 2017 con strategie di content marketing.

Chi Vincerà?

  • chi avrà il contenuto più originale
  • chi saprà “distribuire” il contenuto e farlo diventare “virale
  • chi sarà più tenace per almeno 3-5 anni

Fare content marketing, ed elaborare dei piani editoriali, non è cosa da “pischelli social dei like senza R.O.I. (Return on Investment)”. Occorre una lunga e seria strategia fatta di continuità, e produzione di contenuti originali.

Netflix, Amazon Prime Video ed anche Facebook, avranno un principale obiettivo per il 2017: la produzione di shows, flims e contenuti originali.

Quanto si spenderà nel 2017 in attività di Content Marketing?

  • ESPN spenderà 7,6 Miliardi di dollari
  • Netflix prevede che entro la fine del 2017, produrrà il 50% di contenuti originali ed investirà 6 Miliardi di dollari.
  • Amazon investirà 3,2 Miliardi di dollari
  • Facebook per ora “solo” 50 Milioni di dollari

Per quale motivo: Netflix, Amazon Prime Video ed anche Facebook,vogliono fare Content Marketing?

  • ridurre la spesa in licenze per produzioni terze
  • abbattere i costi esorbitanti della produzione esterna di Hollywood
  • avere dei propri show sui quali impostare la propria linea editoriale

Fonte: Wall Street Journal / Forbes

******************************************

Content Marketing? Visita il mio profilo: https://it.linkedin.com/in/web-marketing-manager-net

******************************************

Focus on: Si sapeva già da anni, ma siamo arrivati al 2017, per vedere investire aziende con grandi budgets come: Amazon, Facebook e Netflix.

Le strategie di content marketing, saranno la strada per la vittoria ed anche per la “sopravvivenza” in questo Mondo sempre più “mobile” e “social”.

******************************************

Content Marketing? Visita il mio profilo: https://it.linkedin.com/in/web-marketing-manager-net

******************************************

#Content Marketing #Strategie #Marketing #Amazon #Facebook #Netflix #2017 #Licenze #Video #Film #Hollywood

 

Mobile Marketing: La Classifica 2016 delle App (applicazioni) piu’ usate

WebMarketingManager.net – Quali sono state le app (applicazioni) più utilizzate nel 2016, sugli smartphones e tablet? Ecco la Classifica del 2016.

Il 2016 è dunque archiviato, e diamo il benvenuto al 2017. Per il mondo del “mobile” ovvero smartphones e tablet, il 2016 è stato “l’anno del cambiamento” o se vogliamo del “sorpasso” degli utenti online che si collegano ad Internet dal proprio smartphone e/o tablet.

Questa è la classifica delle app (applicazioni) più utilizzate nel 2016, sugli smartphones e tablet:

  1. Facebook, app utilizzata da 146.027.000 di persone
  2. Facebook Messenger, app utilizzata da 129.679.000 di persone
  3. YouTube, app utilizzata da 113.738.000 di persone
  4. Google Maps, app utilizzata da 105.749.000 di persone
  5. Google Search, app utilizzata da 103.959.000 di persone
  6. Google Play, app utilizzata da 99.773.000 di persone
  7. Gmail, app utilizzata da 88.572.000 di persone
  8. Instagram, app utilizzata da 74.672.000 di persone
  9. Apple Music, app utilizzata da 68.392.000 di persone
  10. Amazon App, app utilizzata da 65.511.000 di persone

Da ricordare che Snapchat, pur non essendo nella top 10 mondiale, è comunque l’app più utilizzata in U.S.A. (Stati Uniti), dal target giovani/ragazzi/e/bambini/e.

Si evidenzia un “duopolio” tra le app tra Google e Facebook.

Quali sono le App di proprietà di Facebook ?

  • Facebook
  • Facebook Messenger
  • Instagram

Quali sono le App di proprietà di Google ?

  • YouTube
  • Google Maps
  • Google Search
  • Google Play
  • Gmail

I “social networks” si confermano la categoria principale degli utilizzatori di app per smartphones.

Fonte: Nielsen

******************************************

Mobile Marketing? Visita il mio profilo: https://it.linkedin.com/in/web-marketing-manager-net

******************************************

Focus on: Numeri enormi per gli utenti di app per smartphones e tablet nel Mondo. L’utente è sempre più “mobile”. Il 2017 sarà l’anno della “consapevolezza” per molte aziende “tradizionali”.

******************************************

Mobile Marketing? Visita il mio profilo: https://it.linkedin.com/in/web-marketing-manager-net

******************************************

#App #Mobile Marketing #Smartphone #Tablet #Applicazioni #Classifica App 2016 #Top App 2016 #Smartphones

 

Mobile Marketing: oltre il 50% del tempo OnLine è sulle App degli Smartphones

WebMarketingManager.netOltre il 50% del tempo degli italiani che navigano su Internet è trascorso sulle app dei cellulari smartphones e sui tablet.

Le app (applicazioni) di smartphones e tablet, totalizzano oltre il 50% del tempo online degli italiani sul web.

Mentre la percentuale sale addirittura all’87% per il tempo totale che gli italiani hanno impegnato nell’utilizzo di smartphones, tablet, e dispositivi mobile vari ed eventuali.

46 ore al mese sulle app (applicazioni) degli smatphones (Android ed iOS) e tablet.

Solo 7 ore di navigazione “pura” sul web.

Il totale dei minuti che gli italiani hanno trascorso (perso) sulle app (applicazioni) ad Ottobre 2016 è di 49 milioni di giorni, equivalenti a 134.000 anni.

Emerge un quadro sconcertante fatto di “passatempi” e “perditempo” per gli utenti 100% “mobile first”, quelli tanto amati dai vari “social networks” del tempo libero.

Italiani che usano lo smartphone e poco il computer (la maggior parte dei giovani non sanno neppure usare i programmi installati in un notebook o P.C. (Personal Computer) tradizionale – ndr).

La “crescita” del mercato digitale italiano in termini numerici, e la “decrescita” in termini di qualità, è guidata dagli utenti “mobile”, ovvero da tutti coloro i quali vedete ogni giorno con la schiena curva seduti, e/o mentre camminano a testa bassa con il loro “adorato smartphone” di ultima generazione. Questo è il target “della crescita” dei numeri sul consumo del tempo online.

Gli utenti da desktop (computer tradizionale(P.C.) e notebook) ad Ottobre 2016 sono crollati del -21% rispetto ad Ottobre 2015.

Se poi vogliamo analizzare il R.O.I. (Return on Investment) che questi utenti “mobile first” possono produrre, allora la percentuale è vicina quasi allo 0 (zero) perché questo tipo di utenti sono: distratti, non inclini ai Vostri messaggi pubblicitari, anche se mettono il “like” sui Vs. prodotti, alla fine non li compreranno mai (o quasi).

Questa è “la moda” dei vari social networks del tempo libero.

Quali sono le app più utilizzate sugli smartphones e tablet, dagli italiani ?

  • Google (il motore di ricerca più utilizzato al Mondo)
  • Facebook (il “social network del tempo libero”)

Oltre il 70% delle app più utilizzate sono le prime 5, della lista top 100. Il restante 30% di tempo è assegnato alle restanti, dalla n. 5 a diminuire.

Mercato delle app, ormai saturo:

  • Ad Ottobre 2016, oltre 56% degli italiani non ha scaricato neppure una sola app, sul proprio smartphone e tablet
  • chi ha effettuato il download di una app, ne ha scaricate: 1 o 2 al massimo (le più “conosciute e chiacchierate”)
  • Meno del 9% degli utenti “mobile first” totali hanno scaricato più di 6 app.

Fonte: ComScore

******************************************

Mobile Marketing? Visita il mio profilo: https://it.linkedin.com/in/web-marketing-manager-net

******************************************

Focus on: E’ ormai chiara la direzione del “mercato”, se l’87% degli italiani (medi – ndr) trascorre il tempo totale online, utilizzando i “giocattoli” smatphones e tablet, mentre solo il 13% è rimasto “ancorato” ai tradizionali P.C. (Personal Computer) e notebook

bisognerà adattarsi a questo tipo di target, con R.O.I. (Return on Investment) quasi inesistente, e cercare di trovare nuove strategie, per “educare” questo “nuovo” tipo di utenti “mobili” all’acquisto dei prodotti che intendiamo vendere.

Prendere coscienza, che nel 2017, questa è, e sarà la realtà del mercato italiano.

Occorreranno team dedicati all’online e budgets medio-alti per poter competere in questa “giungla sociale” di utenti distratti. Difficilmente i piccoli investitori online sopravviveranno nel 2017.

Soltanto quel famoso “1%” di investitori riuscirà a conquistare gli utenti “mobile first”.

******************************************

Mobile Marketing? Visita il mio profilo: https://it.linkedin.com/in/web-marketing-manager-net

******************************************

#Mobile Marketing #Smartphone #Tablet #Italiani #Analisi #Internet #Google #Facebook #App #Utenti OnLine #Web #ComScore #Ricerca